Domino Solutions da la possibilita' di visionare 6 portafogli aggressivi e difensivi, ETF e azioni, sia americani sia europei. Offre anche un servizi di report giornaliero per investire in CFD intraday su forex, materie prime, azioni e indici con azioni dove investire, alert intraday, come guadagnare col forex, come investire 30000 euro, come investire i propri soldi, etf cina, etf mercati emergenti



Gli Stati Uniti forniranno di Gas l'Europa escludendo la Russia

08 Aprile 2014

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.



L'amministrazione Obama si è mossa in fretta, di fronte alla sete di Putin di occupare il vicino occidente, il presidente degli Stati Uniti ha messo pressione al Congresso per accelerare le esportazioni di gas verso l'Europa in modo da ridurre la sua dipendenza dalla Russia. Circa 3.000 lavoratori stanno installando una serie di enormi turbine, condotte e unità di refrigerazione. E' la costruzione di un terminale che invierà il gas naturale americano in tutto il mondo entro la fine del prossimo anno. Entro il 2017, l'impianto costruito a Houston, chiamato, Cheniere Energy, in grado di gestire circa un sesto della quantità di gas che scorre dalla Russia all'Europa ogni giorno.

L'impianto di Cheniere sarà parte di una nuova ondata di forniture di gas naturale liquefatto provenienti non solo gli Stati Uniti ma anche dall'Australia, Africa e Medio Oriente. Tale aumento, forse insieme ad un aumento della produzione nella stessa Europa, promette fornire gas naturale non-russo per la fine del decennio. Purtroppo sul breve termine, gli Stati Uniti possono offrire poche speranze agli europei desiderosi di diversificare le loro fonti di gas con la Russia dopo l'occupazione della Crimea e le minacce all'Ucraina orientale.

Esportazioni del gas naturale dalla russia verso l'Europa e stime

Sono state presentate varie proposte a Washington sulle esportazioni di gas verso l'Europa in questo momento di crisi Ucraina, l'impianto Cheniere è l'unico terminale tra le decine di proposte ad aver completato l'iter burocratico delle approvazioni regolamentari per l'esportazione di gas naturale liquefatto, meglio conosciuto come LNG (Liquefied natural gas).
Il Gas naturale liquefatto (GNL o LNG, all'inglese) si ottiene sottoponendo il gas naturale (GN), dopo opportuni trattamenti di depurazione e disidratazione, a successive fasi di raffreddamento e condensazione. La composizione e le caratteristiche dell'LNG variano a seconda dei giacimenti di GN di provenienza e del processo di liquefazione. In forma liquida è decisamente meglio trasportabile.

E la metà del gas che lascerà lo stabilimento della Cheniere ha già contratti con India e Sud Corea. L'altra metà andrà a società britanniche e spagnole che possono vendere il gas ovunque in Europa. L'Occidente poteva fare ben poco in quanto la società russa Gazprom ha aumentato il prezzo del gas pagato dall'Ucraina dell'80% la scorsa settimana, aumentando la pressione economica e le tensioni tra Mosca e Kiev.

Mentre Ernest J. Moniz, segretario dell'energia, recentemente ha suggerito che il suo dipartimento era propenso a prendere più sul serio gli interessi di politica estera nelle sue deliberazioni su approvazioni dei terminali futuri, solo una nuova struttura ha ricevuto l'approvazione provvisoria dal momento che la Russia si è annessa alla Crimea. Quello di Coos Bay, Oregon, mira ad esportare in Asia e necessiterà di circa cinque anni per completare il processo di regolamentazione, di acuisizione dei finanziamenti e infine la costruzione.

Marvin E. Odum, presidente della compagnia petrolifera Shell, società che sta collaborando con Kinder Morgan (KMI) per l'esportazione dell'LNG:
Le esportazioni di L.N.G. non sono automatiche che con uno schiocco di dita parte tutto. Si tratta di grandi progetti di sviluppo aziendale che richiedono diversi anni di costruzione e diversi anni di sviluppo di business e progettazione ingegneristica.

Circa una mezza dozzina di proposte sono state presentate al Congresso per accelerare le esportazioni di gas. Bisogna tener presente comunque che la costruzione di un terminale costa circa 7 miliardi dollari. Per prima cosa c'è il processo esplorativo per trovare un luogo adatto, questo può durare un anno con un costo di 100 milioni di dollari. I finanziamenti di solito possono essere garantiti solo dopo contratti di acquisto a lungo termine raggiungibili con acquirenti stranieri.

Dei sette terminali che hanno ricevuto l'approvazione dal Dipartimento di Energia, solo Cheniere ha ricevuto l'approvazione dalla Federal Energy Regulatory Commission, o FERC. Le approvazioni della commissione per la localizzazione e la costruzione sono normalmente indipendenti dall'influenza della Casa Bianca e le decisioni della Federal Reserve Board possono richiedere mesi o anni. Gli altri sei terminali attendono l'approvazione statale e in alcuni casi devono affrontare l'opposizione degli ambientalisti.

Più di 20 ulteriori impianti di esportazione proposti attendono l'approvazione dal Dipartimento per l'Energia per l'esportazione verso i paesi senza accordi di libero scambio con gli Stati Uniti. Questi sono anche alla ricerca di approvazione da parte FERC. Mr. Bledsoe, che ha lavorato alla Casa Bianca nel periodo di Clinton, come consigliere dell'energia, ha detto che l'amministrazione Obama deve agire al più presto. Ha detto che potrebbe dirigere il Dipartimento dell'Energia per accelerare le applicazioni di importazione da paesi europei che vogliono acquistare negli Stati Uniti gas, suggerendo alla FERC di accelerare le autorizzazione per ragioni di sicurezza nazionale ed incoraggiando l'Europa a costruire più gasdotti per produrre più gas.

In questo modo spingerebbero la Russia fuori dalla lotta per l'esportazione del gas in Europa nei prossimi anni. La domanda è progressivamente scivolata negli ultimi tre anni e molti paesi hanno costruito i loro impianti di stoccaggio per la protezione contro improvvisi picchi di domanda o cali di fornitura. Mentre i paesi dell'Europa orientale e meridionale come l'Ucraina, Bulgaria, Grecia, Ungheria, Serbia e Bosnia-Erzegovina rimangono fortemente dipendenti dalla Russia per il gas, l'Unione europea sta lavorando per migliorare i collegamenti di gasdotti per servire al meglio molti di questi paesi.

Inoltre, la riapertura dei reattori nucleari giapponesi, attesi nel corso dei prossimi tre anni, dovrebbero liberare gas. Ci sarà anche il completamento e l'ampliamento di terminali per l'esportazione di gas naturale liquefatto dall'Australia, Africa e Qatar, così come gli Stati Uniti, che possono raddoppiare le forniture di gas naturale liquefatto a livello mondiale entro il 2020, secondo un nuovo rapporto di Citi Research.

Sei nuovi terminali L.N.G. sono in costruzione in Europa, di cui due in programma per il completamento nei prossimi mesi, questi integreranno i 22 terminali esistenti, consentendo all'Europa di importare una grande quantità di nuovo gas. Queste nuove forniture dovrebbero abbassare i prezzi del gas per i consumatori europei. Per la Russia sarebbe un colpo durissimo, gli introiti si abbasserebbero di molto, dato che dipende molto dalle esportazioni di idrocarburi. Putin potrebbe decidere di spostare tali esportazioni verso la Cina ma si troverebbe di fronte l'opposizione dell'Australia, del Giappone e dell'India.

Il terminale di Cheniere non potrà soccorrere immediatamente l'Europa, ma sta facendo da monito per la Russia e sta dando una spinta importante nella rivoluzione nel mercato mondiale del gas che promette di aiutare l'Europa. Charif Souki, amministratore delegato di Cheniere Energy ha abbattuto i suoi concorrenti, perché originariamente il terminale era previsto per l'importazione di gas, non sapendo che i progressi tecnologici in estrazione di idrocarburi da scisti avrebbe improvvisamente reso gli Stati Uniti un esportatore.

Gli Stati Uniti attualmente importano più di 10 miliardi di metri cubi di gas naturale al giorno. Ora il paese è pronto ad esportare gas naturale liquefatto entro il 2020. Gli Stati Uniti stanno già facendo la differenza, ha detto il signor Souki.




Tag:

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.


SEGUI I NOSTRI ALERT GRATIS
Vorrei essere informato gratuitamente
tramite email ogni volta che modificate
il vostro portfolio One Million Dollar


SEGUICI SU GOOGLE+
ADV
ULTIMI ARTICOLI
2017-04-20 Dopo aver toccato quasi i 20500 punti, l'indice italia, il FTSEMIB, è calato fino a rompere i 20.000 e ora punta di nuovo i 20.000 con un occhio però ad un potenziale ritorno in area 19.227, supporto fondamentale per dar via ad un trend decisamente discendente. Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica del mercato azionario italiano si è ...
2017-04-18 Domenica 23 Aprile ci sono le elezioni in Francia, uno di quei giorni che dal punto di vista economico tutti aspettano, tralasciando quello politico ovviamente più importante. All'inizio doveva essere la campagna elettorale più scontata della storia della Quinta Repubblica, ma ci rendiamo conto, giorno dopo giorno, sondaggio dopo sondaggio, che la ...
2017-04-11 Leader mondiale della diagnostica in vitro, DiaSorin (DIA.MI) è un Gruppo multinazionale italiano con sede a Saluggia (VC), a capo di 28 società in Europa, Nord, Centro e Sud America, Africa e Asia. Da oltre 40 anni il Gruppo sviluppa, produce e commercializza test per la diagnosi di patologie che riguardano un’ampia gamma di aree cliniche. I test ...
2017-04-07 Dopo cinque anni di rallentamento, la crescita economica nei paesi emergenti in America Latina è diventata negativa nel 2016. I dati del PIL hanno mostrato la regione si è contratta dello 0,8% l'anno scorso, dopo aver praticamente ristagnato nel 2015. Una profonda e prolungata recessione in Brasile e Venezuela e un crollo notevole della produzione ...
2017-04-04 Il Gruppo El.En. SpA (ELN.MI) società (azione italiana) costituita nel 1981, oggi leader nella fabbricazione di sistemi laser per applicazioni nel settore medicale e della marcatura laser. La società nasce a Firenze per iniziativa di un docente universitario, Leonardo Masotti e di uno dei suoi migliori allievi Ing. Gabriele Clementi, che intendono...
DOMINO SOLUTIONS CONSIGLIA
Investire come Warren Buffett: Strategie di acquisizione e value investing per guadagnare in borsa
CATEGORIA ARTICOLI

Analisi ETF
Analisi tecnica
Economia generale
Grandi investitori
Materie prime
Report Domino
Società analizzate
Valute
Warren Buffett
Ultimi Articoli
come investire i risparmi, investire 50000 euro, ETF mercati emergenti, giocare in borsa, investimenti sicuri, scalping trading, forex scalping strategies, short etf, investire in oro, etf cina, come investire in azioni
come investire 30000 euro, come investire 20000 euro, come investire denaro oggi, come investire i risparmi oggi, investire in oro conviene, come investire 60000 euro, portafoglio ETF, migliori azioni 2015
ETF metalli preziosi, come investire nel 2016, come investire 2016
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319