Domino Solutions da la possibilita' di visionare 6 portafogli aggressivi e difensivi, ETF e azioni, sia americani sia europei. Offre anche un servizi di report giornaliero per investire in CFD intraday su forex, materie prime, azioni e indici con azioni dove investire, alert intraday, come guadagnare col forex, come investire 30000 euro, come investire i propri soldi, etf cina, etf mercati emergenti

Condividi questo articolo con colleghi o amici:


Crisi in Europa, il problema è tutto delle banche

24 Luglio 2014

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.



Qualsiasi dubbio che l'Europa si sta dirigendo verso un altra crisi del debito sovrano avrebbe dovuto essere dissipato dai dati raccolti la scorsa settimana dall'agenzia di rating Moody sulla situazione delle banche europee. I dati rivelano un aumento inquietante dei prestiti bancari in una serie di importanti paesi europei. Più preoccupante ancora è il fatto che l'aumento dei crediti inesigibili in Europa si sta verificando al tempo stesso che la debole ripresa dell'economia, la quale sta mostrando segni di cedimento mentre l'inflazione resta bloccata in una zona di pericolo deflazionistico.



Secondo i dati compilati da Moody, c'è stato un aumento preoccupante dei prestiti non-performing ben oltre il 10% dei prestiti bancari totali in Italia, Portogallo e Spagna. E' particolarmente preoccupante che tale situazione potrebbe richiedere un ulteriore sostegno pubblico ai sistemi bancari di questi paesi in un momento in cui il debito del settore pubblico e PIL è già oltre il 130% in Italia e Portogallo. Inoltre è preoccupante poiché dobbiamo attendere ulteriori aumenti significativi di questi prestiti non-performing qualora la ripresa economica vacilli e l'Europa si spostare ulteriormente verso la deflazione.

Nel considerare quanto grande sia il problema europeo del crediti, è bene ricordare che le banche europee hanno nei loro libri molti debiti di grandi aziende del rispettivo paese, che sono di dubbia qualità ma che sono trattati dalla Commissione europea come attività prive di rischio. E' inoltre bene ricordare come il grande settore bancario europeo è in relazione a quello degli Stati Uniti.

Mentre negli Stati Uniti i bilanci delle banche sono di circa il 100% del PIL, in Europa le banche di riferimento hanno un range di circa il 300% del PIL. Ciò implica che la soluzione del problema "prestito bancario europeo" potrebbe aggiungere sostanzialmente elevati livelli di debito sovrano nei paesi periferici.

Nel contesto di una vacillante ripresa europea economica e di alti livelli di debiti pubblici e privati, sembrerebbe essere solo una questione di tempo prima che la crisi del debito sovrano si ripercuota sui mercati. Tra i fattori più evidenti che potrebbero riaccendere la crisi è una normalizzazione dei tassi di interesse negli Stati Uniti, che potrebbero cambiare l'attuale situazione di abbondante liquidità a livello mondiale, la quale ha contribuito a mascherare il pessimo stato delle finanze pubbliche in Europa.



Sarebbe un errore, tuttavia, pensare che un aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti sia l'unico fattore che potrebbe rinnovare la crisi del debito europeo. Piuttosto si potrebbe pensare che ogni segno indica che l'Europa si sta di nuovo muovendo verso la recessione, o verso la deflazione, che potrebbe portare ad una situazione insostenibile il livello del debito della periferia europea.

Allo stesso modo una importante inversione di politica in un qualsiasi paese periferico potrebbe sollevare questioni nei mercati circa la volontà politica dei paesi europei fortemente indebitati a perseverare con l'austerità fiscale e la riforma economica strutturale. La prossima revisione della Banca centrale europea in programma per ottobre potrebbe attirare l'attenzione del mercato a questo serio problema.

Nella sua recente testimonianza al Congresso, Janet Yellen, ha lasciato intendere che i tassi di interesse negli Stati Uniti potrebbero essere alzati prima del previsto qualora la ripresa economica degli Stati Uniti sia più forte del previsto. Ha anche riconosciuto che alcuni settori dei mercati azionari e del credito negli Stati Uniti fossero sopravalutati. Quello che lei non ha menzionato, tuttavia, è stato che i mercati europei del credito potrebbero essere influenzati da un aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti. Questo potrebbe essere stata una grave omissione da parte sua se si considera l'impatto che un rinnovamento della crisi del debito sovrano europeo potrebbe avere sugli Stati Uniti e sulle prospettive dell'economia mondiale.




Tag:

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.


SEGUI I NOSTRI ALERT GRATIS
Vorrei essere informato gratuitamente
tramite email ogni volta che modificate
il vostro portfolio One Million Dollar


SEGUICI SU GOOGLE+
ADV
ULTIMI ARTICOLI
2017-07-21 Molto spesso le azioni del settore tecnologico sono considerate per trader giovani che hanno tempo per resistere alle tempeste inevitabili che portano. Abbiamo eseguito un'analisi del settore in base anche alle trimestrali che stanno uscendo in questo periodo e Microsoft (MSFT) mi ha colpito particolarmente, ancora una volta fa un surprise e sembra...
2017-07-19 I prezzi del petrolio greggio saliranno mediamente tra i 53 dollari al barile nel 2017 fino a 56 dollari al barile nel 2018. L'amministrazione statunitense per l'energia ha reso noto un report che mostra queste previsioni. La volatilità non sarà così male come nel 2016. I trader di commodities hanno alzato anche il livello di prezzo nei loro contra...
2017-07-17 Venerdì negli Stati Uniti sono stati resi noti dei dati economici piuttosto deboli, che hanno svolto il ruolo maggiore nel successivo andamento della coppia EURUSD, anche perché ci si sta cominciando a chiedere se la Federal Reserve sarà in grado di innalzare i tassi d’interesse senza alcun tipo di slancio dell’economia, e questo naturalmente non f...
2017-07-14 I futures dello zucchero, una materia prima fondamentale in tutto il mondo, sono scesi al minimo di 10,13 centesimo per libbra dall'Agosto 2015, ultimo minimo registrato. Il prezzo basso ha causato un rallentamento della macinazione e la domanda ha cominciato ad aumentare i prezzi. La mancanza di forniture ha causato un disavanzo dove la domanda er...
2017-07-13 Nel 1972 prende il via a Rimini l'attività della Società, all'epoca sotto la denominazione sociale di M.A.R.R., Magazzini Alimentari Riuniti Riminesi di Ceccarelli - Sberlati & C. s.n.c., per la fornitura e distribuzione di prodotti alimentari a ristoranti ed alberghi della riviera romagnola. Nel 1979 entra nel capitale il Gruppo Cremonini. Qua...
DOMINO SOLUTIONS CONSIGLIA
Investire come Warren Buffett: Strategie di acquisizione e value investing per guadagnare in borsa
CATEGORIA ARTICOLI

Analisi ETF
Analisi Tecnica
Economia generale
Grandi investitori
Materie prime
Report Domino
Società analizzate
Valute
Warren Buffett
Ultimi Articoli
come investire i risparmi, investire 50000 euro, ETF mercati emergenti, giocare in borsa, investimenti sicuri, scalping trading, forex scalping strategies, short etf, investire in oro, etf cina, come investire in azioni
come investire 30000 euro, come investire 20000 euro, come investire denaro oggi, come investire i risparmi oggi, investire in oro conviene, come investire 60000 euro, portafoglio ETF, migliori azioni 2015
ETF metalli preziosi, come investire nel 2016, come investire 2016
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319