Domino Solutions da la possibilita' di visionare 6 portafogli aggressivi e difensivi, ETF e azioni, sia americani sia europei. Offre anche un servizi di report giornaliero per investire in CFD intraday su forex, materie prime, azioni e indici con azioni dove investire, alert intraday, come guadagnare col forex, come investire 30000 euro, come investire i propri soldi, etf cina, etf mercati emergenti



QE in Europa: implicazioni e opportunità di investimento

03 Febbraio 2015

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.



QE in Europa: implicazioni e opportunità di investimento

Differenza tra QE eropeo, quello degli Stati Uniti e nel Regno Unito. Il QE europeo annunciato dalla BCE la scorsa settimana è costituito da un acquisto mensile di 60 miliardi di euro di bond pubblici e privati, che durerà almeno fino a settembre 2016. Gli acquisti in euro del debito avrà una curva di rendimenti tra i 2 e i 30 anni, mentre le scadenze rappresenterenno non più del 25% di ogni acquisto. Gli acquisti di debito saranno mutualised, condividendo la perdita fino al 20% e il resto del 80% resterà alle banche centrali nazionali.

È interessante notare che il debito pubblico acquisita dalla BCE è solo investment-grade, così, il debito di Grecia e Cipro probabilmente non saranno considerato per questo round. Mentre sia la Fed sia la BoE (Bak of England) hanno riacquistato il debito pubblico, così sarebbe lo stile della BCE, molto simile, la mancanza di mutualizzazione del debito attraverso l'Eurozona inclina i benefici verso i paesi con migliori fondamentali nel 2016, quando il QE inizierà a rallentare.

Inoltre, il meccanismo di trasmissione di finanziamento nella zona euro non funziona proprio in maniera identica, come negli Stati Uniti o nel Regno Unito. I tassi più bassi in tutta la zona euro dovrebbero abbassare i tassi per le imprese e le persone, ma non possono vedere l'impatto di questi tassi a breve termine e in modo uniforme in tutti i paesi euro. I Corporates Euro usano molto meno debito obbligazionario rispetto al Regno Unito o le imprese degli Stati Uniti. Anche se il mercato obbligazionario europeo ha visto una crescita significativa dopo la crisi finanziaria del 2009, la maggior parte del debito societario, soprattutto per le scadenze a lungo termine e per le piccole e medie imprese, è ancora debito bancario che sarà lento da regolare sul mercato i rendimenti.

La conseguenza a lungo termine sarà positiva è ciò può incoraggiare le PMI ad aumentare il finanziamento con obbligazioni societarie ad emissioni sul mercato eurobond, proprio come ha fatto dopo il 2009, quando la liquidità bancaria era prosciugata. Così, nel medio termine e lungo - questa è una parte delle PMI in Spagna e in Italia e in altri mercati in euro non-core in cui i tassi sui prestiti bancari sono al 4-6%.



La maggior parte degli effetti positivi immediati, tuttavia, sarà sulle grandi imprese della zona euro provenienti da Germania, Francia, Spagna e Paesi Bassi (che operano prevalentemente all'interno della zona euro e in quanto tali non hanno un impatto valutario negativo sulle loro fatturato) e che possono migliorare il loro tasso di indebitamento medio sostanzialmente.

I mutui dell'Eurozona sono in linea di massima fissati da 1 a 5 anni e oltre, e il rifinanziamento per questi mutui non è semplice. Mentre la quota di mutui a tasso variabile è aumentata dal 2009, i mutui a tasso fisso sono ancora predominanti in Francia, Italia, Paesi Bassi e Germania, quindi ci vorrà del tempo per l'effetto ricchezza dai mutui inferiori e di rifinanziamento per avere un impatto sui consumi. D'altra parte, paesi come la Spagna e l'Irlanda, dove la maggior parte dei mutui si basano sui tassi variabili, possono beneficiare maggiormente sul breve termine.

I mercati azionari dell'area euro non sono così sviluppati come in Gran Bretagna o negli Stati Uniti in relazione alla dimensione del loro PIL. Come mostra il grafico qui sotto, il rapporto tra il mercato azionario e il PIL in alcuni paesi europei come la Francia e in Italia è incredibilmente basso rispetto al Regno Unito o negli Stati Uniti. I paesi con i mercati azionari più sviluppati, come i Paesi Bassi (EWN), Belgio (EWK), Francia (EWQ) e Spagna (EWP) probabilmente beneficeranno maggiormente di un rischio sul trader azionario.



Bassi tassi potranno beneficiare di nuovi investimenti nel settore immobiliare e siamo propensi a vedere i prezzi immobiliari che saliranno ancora più in alto soprattutto nei paesi in cui i mercati azionari non sono molto popolari e nei paesi con i tassi di ipoteca per lo più variabili. Nonostante una forte performance nel corso dell'anno passato, i REIT tedeschi come Deutsche Wohnen (DWHHF) e Deutsche Annington (DAIMF) sono ancora la migliore posizione per approfittare di un mercato immobiliare in aumento. Alcuni sviluppatori immobiliari spagnoli come Immobiliaria Colonial [SM] può anche essere un interessante però molto volatile.

Il basso tasso di cambio dell'Euro probabilmente porterà significativi cambiamenti positivi, anche se alcuni economisti non la pensano così dato i molti beni prodotti dalle aziende che producono in Euro al di fuori del territorio della zona euro. Il settore dei servizi, in particolare, il settore dei viaggi e del tempo libero tra cui aziende come TUI AG, è un chiaro vincitore della valuta bassa. Le PMI e le imprese con basi di produzione ed esportazione al di fuori dell'area ne beneficeranno.

Un tasso di cambio più basso per l'euro continuerà a sostenere gli esportatori, in particolare i più grandi due esportatori della zona euro che sono anche produttori altamente competitivi: per lo più la Germania (che secondo WTEx, ha prodotto circa il 29% delle esportazioni europee nel 2013 e ha un grande settore delle PMI) e, in misura minore, i Paesi Bassi (con circa il 9-10% delle esportazioni europee nel 2013, ma un settore più piccolo). In Italia solo la spinta stimata del PIL da una valuta più basso è di circa lo 0,6% all'anno (CSC, Il Sole 24).

Mentre i benefici del QE saranno ampiamente diffusi e possono dare nuova tregua a paesi come l'Italia e la Francia, un po' ironicamente il più grande impatto positivo andrà a beneficio dei paesi che hanno combattuto. Gli olandesi e, in misura minore, i mercati azionari belga e settori immobiliari in paesi come la Germania e la Spagna saranno probabilmente i grandi vincitori.




Tag:

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.


SEGUI I NOSTRI ALERT GRATIS
Vorrei essere informato gratuitamente
tramite email ogni volta che modificate
il vostro portfolio One Million Dollar


SEGUICI SU GOOGLE+
ADV
ULTIMI ARTICOLI
2017-04-27 La Polonia ha firmato il suo primo accordo per l'acquisto di gas naturale liquefatto da un fornitore statunitense, un passo che aiuterà gli sforzi del paese a ridurre la propria dipendenza dalle consegne provenienti dalla Russia. La ditta che fornirà il gas è la Cheniere Energy (LNG), la quale fornirà le prime forniture di giugno a un terminale di ...
2017-04-20 Dopo aver toccato quasi i 20500 punti, l'indice italia, il FTSEMIB, è calato fino a rompere i 20.000 e ora punta di nuovo i 20.000 con un occhio però ad un potenziale ritorno in area 19.227, supporto fondamentale per dar via ad un trend decisamente discendente. Nel corso delle ultime sedute la situazione tecnica del mercato azionario italiano si è ...
2017-04-18 Domenica 23 Aprile ci sono le elezioni in Francia, uno di quei giorni che dal punto di vista economico tutti aspettano, tralasciando quello politico ovviamente più importante. All'inizio doveva essere la campagna elettorale più scontata della storia della Quinta Repubblica, ma ci rendiamo conto, giorno dopo giorno, sondaggio dopo sondaggio, che la ...
2017-04-11 Leader mondiale della diagnostica in vitro, DiaSorin (DIA.MI) è un Gruppo multinazionale italiano con sede a Saluggia (VC), a capo di 28 società in Europa, Nord, Centro e Sud America, Africa e Asia. Da oltre 40 anni il Gruppo sviluppa, produce e commercializza test per la diagnosi di patologie che riguardano un’ampia gamma di aree cliniche. I test ...
2017-04-07 Dopo cinque anni di rallentamento, la crescita economica nei paesi emergenti in America Latina è diventata negativa nel 2016. I dati del PIL hanno mostrato la regione si è contratta dello 0,8% l'anno scorso, dopo aver praticamente ristagnato nel 2015. Una profonda e prolungata recessione in Brasile e Venezuela e un crollo notevole della produzione ...
DOMINO SOLUTIONS CONSIGLIA
Investire come Warren Buffett: Strategie di acquisizione e value investing per guadagnare in borsa
CATEGORIA ARTICOLI

Analisi ETF
Analisi tecnica
Economia generale
Grandi investitori
Materie prime
Report Domino
Società analizzate
Valute
Warren Buffett
Ultimi Articoli
come investire i risparmi, investire 50000 euro, ETF mercati emergenti, giocare in borsa, investimenti sicuri, scalping trading, forex scalping strategies, short etf, investire in oro, etf cina, come investire in azioni
come investire 30000 euro, come investire 20000 euro, come investire denaro oggi, come investire i risparmi oggi, investire in oro conviene, come investire 60000 euro, portafoglio ETF, migliori azioni 2015
ETF metalli preziosi, come investire nel 2016, come investire 2016
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319