Domino Solutions da la possibilita' di visionare 6 portafogli aggressivi e difensivi, ETF e azioni, sia americani sia europei. Offre anche un servizi di report giornaliero per investire in CFD intraday su forex, materie prime, azioni e indici con azioni dove investire, alert intraday, come guadagnare col forex, come investire 30000 euro, come investire i propri soldi, etf cina, etf mercati emergenti

Condividi questo articolo con colleghi o amici:


L'Economia dei mercati emergenti e dell'Europa dopo le parole della Yellen

29 Settembre 2015

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.



Il mercato azionario statunitense è sceso dell'1,35% nella settimana terminata il 25 settembre 2015. Il calo è dovuto principalmente alla decisione della Fed di non alzare il tasso di interesse, indicando una debolezza nei mercati globali. Anche i mercati emergenti sono calati la settimana precedente, mentre nell'ultima settimana hanno avuto un rimbalzo.

La Fed ha deciso di non aumentare il tasso di interesse dovuto principalmente alla debolezza dei mercati internazionali guidati dalla Cina. Tuttavia, gli analisti si aspettano che la Fed alzi i tassi di interesse prima della fine dell'anno. L'escursione prevista è pari allo 0,25%. Il Presidente della Fed Janet Yellen ha parlato in settimana dei recenti sviluppi economici e finanziari globali che hanno portato alla sua decisione di non alzare i tassi già da Settembre perchè teme un rallentamento globale. La Yellen ha anche citato una bassa inflazione come la ragione per il "no" al rialzo dei tassi.



Le corporate non stanno a guardare

Ci sono stati anche alcuni interessanti annunci aziendali nelle settimane scorse. FedEx (FDX) ha riportato i suoi risultati trimestrali con ricavi e utili più elevati. I ricavi sono aumentati del 29% nelle spedizioni di terra, ma sono diminuiti del 4% nel segmento espresso. La società ha abbassato leggermente le stime per l'anno fiscale che termina a maggio 2016, principalmente a causa della debolezza della domanda nella sua attività di trasporto e di maggiori costi del segmento di terra.

Sul fronte della tecnologia, Hewlett-Packard (HPQ) ha annunciato tagli di 33.300 posti di lavoro nei prossimi tre anni. L'azienda attuerà una riduzione della forza lavoro del 10%, al fine di ristrutturare il proprio business computing, che sta affrontando una dura concorrenza da parte di Apple (AAPL) e Lenovo.

Le azioni statunitensi sono attualmente scambiate a 15.02x su base annua. Le valutazioni sono aumentate dello 0,03% nella settimana conclusa il 18 settembre 2015. Sono stati rivisti principalmente a causa di maggiori vendite al dettaglio, più permessi di costruzione, tasso di disoccupazione più basso e tassi di interesse invariati. Le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,2% in agosto rispetto all'aumento rivisto di luglio dello 0,7%. Le vendite al dettaglio, escluse le automobili, materiali da costruzione, servizi di ristorazione e la benzina, sono aumentate dello 0,4% in agosto rispetto ad un aumento dello 0,6% nel mese di luglio.

I permessi di costruzione sono aumentati del 3,5% nel mese di agosto, questo si traduce in un tasso annualizzato di 1,17 milioni di euro. Tuttavia, l'inizio di costruzioni sono diminuiti del 3% nel mese di agosto, principalmente a causa della scadenza di un credito d'imposta a prezzi accessibili sulle abitazioni che ha fatto schizzare la costruzione della casa multifamiliare nei mesi precedenti.

La valutazione sui titoli azionati europei

L'indice MSCI Europe è stato valutato 13.83x sulla base degli utili su base annua nella settimana conclusa il 18 settembre 2015. La valutazione è salita dello 0,29% a causa di un più alto surplus commerciale e produzione industriale. E' stato in parte compensato da un calo della produzione industriale del Regno Unito e della Francia.



La decisione della Fed di non alzare i tassi di interesse, il maggiore avanzo commerciale, una maggiore produzione industriale, e il rallentamento dell'attività industriale, hanno guidato le azioni europee nella scorsa settimana. Il surplus commerciale della zona euro si è alzato nel mese di luglio, con le esportazioni in crescita del 7% e le importazioni dell'1%. La produzione industriale si è elevata dello 0,6% nel mese di luglio, meglio delle attese. Il QE da 60 miliardi di euro della Banca centrale europea (BCE) sta dando risultati sotto forma di un aumento delle esportazioni guidate da bassi costi di capitale, valuta più debole e una maggiore liquidità.

La ripresa dalla crisi iniziata nel 2007 è stata più lenta in Europa rispetto la ripresa dell'economica degli Stati Uniti e dei mercati emergenti. Nel complesso, i mercati dell'UE sono ancora sottovalutati rispetto al mercato americano che attualmente commercia intorno al 15.0x su base annua. L'UE prevede una crescita dell'1,50% nel 2015, rispetto alla previsione precedente dell'1,30%.

La produzione industriale è in calo nelle principali economie, come il Regno Unito e la Francia. Tuttavia, un maggiore surplus commerciale e la crescita complessiva della regione nel suo insieme, stanno indicando una crescita positiva. Il presidente della BCE, Mario Draghi, ha indicato che in uno scenario di minore crescita, la banca centrale può estendere o espandere il suo programma di QE. Il segnale arriva nel bel mezzo del rallentamento dell'economia cinese e la svalutazione della sua moneta. Le economie in Germania, Spagna e Francia sono cresciute marginalmente nel 2015. Attualmente, con la certezza di un piano di salvataggio della Grecia, le principali preoccupazioni dei mercati azionari dovrebbero spostarsi su un rallentamento della crescita in Cina e le sue misure.

Le azioni dei mercati emergenti aumentano nonostante il calo delle azioni cinesi

I titoli azionari dei mercati emergenti sono aumentati del 3,41% nella settimana terminata il 18 settembre 2015. Questo è dovuto principalmente all'acquisto di titoli azionari indiani, parzialmente compensati da un calo dei titoli azionari cinesi. L'indice cinese Shanghai Composite ha registrato un calo del 3,20% durante la settimana. I titoli cinesi sono scesi principalmente a causa del dato sulla produzione industriale deludente. La produzione industriale della Cina è aumentata del 6,1% anno su anno nel mese di agosto, a fronte di una previsione media del 6,6%.

Gli investimenti fissi inoltre sono aumentati ad un tasso del 10,9% in meno del previsto da gennaio ad agosto. Tuttavia, le vendite al dettaglio hanno registrato un incremento del 10,8% anno su anno, al di sopra delle stime degli analisti. I nuovi ordinativi dall'estero sono scesi per l'11esimo mese di fila. La Markit PMI (Purchasing Managers Index) è sceso a 47,3 in agosto, il più basso dal 2009.

Un rallentamento della Cina ha messo ulteriore pressione sui prezzi delle materie prime. Ciò ha portato a minori esportazioni dal Brasile e Russia. L'economia russa è stata colpita gravemente dal calo dei prezzi del greggio. I titoli azionari indiani sono aumentati del 2,38%, il più alto tra i principali mercati, durante la settimana conclusa il 18 settembre. L'incremento è dovuto principalmente ai fondamentali forti e i migliori numeri di produzione industriale nel mese di luglio. I titoli azionari indiani hanno fornito fondamentali eccezionali. L'economia indiana è fondamentalmente sana, grazie alle maggiori riserve di valuta estera e un maggior flusso di investimenti a lungo termine, in aggiunta c'e' il sostegno da parte del governo attuale per una maggiore facilità nel fare affari nel paese.



Come dicevamo, la produzione industriale della Cina è cresciuta del 6,1% in agosto rispetto ad una previsione del 6,6%. Tuttavia, le vendite al dettaglio sono salite del 10,8% su base annua, superando le stime degli analisti. I titoli azionari indiani hanno visto salire le proprie valutazioni grazie ad una produzione industriale migliore, una bassa inflazione e l'attesa di un taglio dei tassi da parte della banca centrale indiana. La nazione continua a vedere una buona crescita degli investimenti diretti dall'estero nella difesa, industriali e nelle infrastrutture.

Per quanto riguarda il Brasile, la situazione macroeconomica si trova ad affrontare un calo del proprio rating da parte di Standard & Poor a junk o BB+. Questo è sotto l'investment grade BBB-. Il Brasile è stato colpito in gran parte dal calo dei prezzi delle materie prime, scandali politici, alta inflazione e la caduta dell'attività economica. Il real brasiliano è sceso del 31% nel 2015 mentre i titoli azionari sono scesi del 37% nel 2015 in termini di dollari USA.




Tag:

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.


SEGUI I NOSTRI ALERT GRATIS
Vorrei essere informato gratuitamente
tramite email ogni volta che modificate
il vostro portfolio One Million Dollar


SEGUICI SU GOOGLE+
ADV
ULTIMI ARTICOLI
2017-10-19 Anche se non tutti gli investitori professionali e gli analisti ritengono che le valutazioni del mercato azionario siano in un territorio da bolla, la maggior parte probabilmente sarebbe d'accordo sul fatto che le molte imprese statunitensi siano in ipercomprato. Il rapporto P/E dello SP500 è ad un livello storico alquanto elevato, così alto lo è s...
2017-10-11 Fincantieri SpA (FCT.MI) è uno dei più importanti complessi cantieristici navali d'Europa e del mondo: azienda pubblica italiana, già di proprietà dell'IRI fin dalla sua fondazione, è oggi controllata al 71,6% da Fintecna S.p.A., finanziaria del Ministero dell'economia e delle finanze. Fincantieri, nata dall'IRI come società finanziaria di stato...
2017-10-09 Abbiamo sottolineato più volte il timore di cadute dei mercati dovute ai mercati iperdrogati, in un'intervista al Financial Times, Wolfgang Schäuble, che ha guidato una delle più grandi economie mondiali negli ultimi otto anni, ha dichiarato che c'è il pericolo di "nuove bolle" che potrebbero formarsi proprio a causa dei trilioni di dollari che le ...
2017-10-05 Le elezioni tedesche sono state archiviate, non senza novità. Come previsto ha vinto la cancelliera Merkel, ma ha perso l'8% rispetto alle precedenti elezioni. Sconfitti i partiti tradizionali, con conseguente difficoltà nel riformulare la grande alleanza, il vincitore è stato il partito nazionalista di estrema destra AFD, primo partito di estrema ...
2017-09-26 Molto spesso Settembre è stato citato come uno dei mesi peggiori dove acquistare titoli azionari. Statisticamente abbiamo sfatato questo mito, ma la leggenda metropolitana rimane, chi vuole andare contro il mercato? Noi non sicuramente, quindi prepariamoci per Ottobre, dove per magia, forse, tutto tornerà a crescere. Spesso abbiamo segnalato ti...
DOMINO SOLUTIONS CONSIGLIA
Investire come Warren Buffett: Strategie di acquisizione e value investing per guadagnare in borsa
CATEGORIA ARTICOLI

Analisi ETF
Analisi Tecnica
Economia generale
Grandi investitori
Materie prime
Report Domino
Società analizzate
Valute
Warren Buffett
Ultimi Articoli
come investire i risparmi, investire 50000 euro, ETF mercati emergenti, giocare in borsa, investimenti sicuri, scalping trading, forex scalping strategies, short etf, investire in oro, etf cina, come investire in azioni
come investire 30000 euro, come investire 20000 euro, come investire denaro oggi, come investire i risparmi oggi, investire in oro conviene, come investire 60000 euro, portafoglio ETF, migliori azioni 2015
ETF metalli preziosi, come investire nel 2016, come investire 2016
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319