Domino Solutions da la possibilita' di visionare 6 portafogli aggressivi e difensivi, ETF e azioni, sia americani sia europei. Offre anche un servizi di report giornaliero per investire in CFD intraday su forex, materie prime, azioni e indici con azioni dove investire, alert intraday, come guadagnare col forex, come investire 30000 euro, come investire i propri soldi, etf cina, etf mercati emergenti

Condividi questo articolo con colleghi o amici:


Investire nel Petrolio, i paesi più a rischio

23 Febbraio 2016

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.



I prezzi del greggio sono crollati a partire dall'estate del 2014, i paesi produttori di petrolio continuano a pompare a livelli record e le compagnie petrolifere statunitensi stanno facendo sempre più uso della tecnologia di scisto, che permette loro di scavare più a fondo per estrarre più materia prima. Allo stesso tempo, molti paesi dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), guidati da Arabia Saudita, si rifiutano di tagliare la produzione a causa di motivi personali.

L'ambiente generale delle materie è debole e sta dimostrando di essere ad un livello disastroso per le compagnie petrolifere, ma sopratutto per alcuni paesi alle prese con un forte deficit. I profitti delle major del petrolio sono diminuiti, mentre i paesi continuano a lottare per cercare di mantenere pari il proprio deficit rispetto al PIL. Bidness Etc da uno sguardo ad alcuni dei più importanti membri dell'OPEC in questo ambiente a basso prezzo.

Arabia Saudita

L'Arabia Saudita ha a lungo beneficiato di alti prezzi del petrolio, ed è considerata come la forza dominante nel settore petrolifero. Tuttavia, la situazione è cambiata drasticamente. Il petrolio è precipitato oltre il 60% dal suo prezzo massimo e ha stabilito nuovi minimi.

Le compagnie petrolifere del paese potrebbero pareggiare i propri conti anche a prezzi bassi del petrolio; tuttavia, il paese affronta un deficit di bilancio di 97,9 miliardi di dollari (367 miliardi di riyal). Il deficit dell'Arabia Saudita sul PIL si è gonfiato del 20%, ed è uno dei più alti tra i membri dell'OPEC.

Secondo CNBC, il paese ha lo scopo di mantenere la spesa nel 2016 a 840 miliardi di riyal, con un fatturato di 514 miliardi di riyal. Per l'Arabia Saudita per pareggiare il proprio bilancio, il petrolio dovrebbe avere un costo al barile intorno ai 106 dollari, siamo ben lontani, secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

L'Arabia Saudita si trova ad affrontare un grave dilemma; se il paese abbassa la sua produzione di greggio, rischia di perdere la sua quota di mercato rispetto agli Stati Uniti. Ma, se mantiene la produzione, può aspettarsi di continuare a soffrire enormi perdite fiscali.

Iran

All'Iran è stato negato l'accesso ai mercati internazionali per un lungo periodo di tempo. Ora che le sanzioni sono state eliminate, il paese ha lo scopo di aumentare la produzione e recuperare il suo prestigio. Come riportato da Reuters, il paese ora cerca di aumentare la sua produzione a 700.000 barili al giorno.

La scorsa settimana, l'Arabia Saudita e la Russia - i due dei produttori di greggio più grandi del mondo - hanno cercato di collaborare e controllare i prezzi del petrolio. Altri membri dell'OPEC supportati dall'Arabia Saudita, tra cui l'Iran, sembrava disinteressato. Il paese ha un solo obiettivo, ed è quello di aumentare la produzione.

L'aumento della produzione aiuterà il guadagno nel breve dell'Iran, dato che negli ultimi anni ha perso terreno rispetto agli altri membri, ma sul lungo aggraverà ulteriormente la situazione già in eccesso di offerta. Il rapporto PIL/deficit dell'Iran è di circa l'1%. Anche se il paese ha un deficit di bilancio gestibile, ha ancora bisogno di un prezzo del greggio di 87,20 dollari al barile per pareggiare i conti. L'FMI prevede che il paese sarebbe in grado di sopravvivere in mezzo a tali prezzi del greggio solo per altri 10 anni, dopo di che, i default diventerebbe una realtà.

Altri paesi

Altri paesi che potrebbero affrontare il peso della crisi del petrolio a basso costo includono il Venezuela, Algeria e Angola. Il Venezuela ha la più alta percentuale di deficit/PIL più alta tra i membri dell'OPEC. Le sue riserve di liquidità sono in calo. Sempre CNBC segnala che il Venezuela sta cercando di raddoppiare la spesa nel suo ultimo budget.

L'Algeria, un altro membro dell'OPEC, è alle prese con un periodo davvero buoi. Ha bisogno di un prezzo del greggio di 96 dollari al barile per pareggiare il deficit. Nel 2015, il deficit algerino in percentuale rispetto al PIL è passato da quasi zero al 15%. Il paese è fortemente dipendente dai prezzi del greggio; Il 96% del suo reddito estero proviene dalle esportazioni di carburante.

Alcuni altri membri dell'OPEC, come gli Emirati Arabi Uniti, il Qatar, il Kuwait sono in una posizione decisamente migliore rispetto ai loro coetanei. L'FMI è estremamente rialzista sugli Emirati Arabi. Anche se gli stessi hanno bisogno di un prezzo del greggio di 73 dollari al barile per raggiungere il pareggio del deficit, L'FMI afferma che il paese ha costruito un sacco di ricchezza quando i prezzi del petrolio erano più alti, ciò le consentirà di sostenere i prezzi del petrolio a 50 dollari al barile nel corso dei prossimi 10 anni.

Il Qatar e il Kuwait hanno bisogno rispettivamente di 56 dollari e 49 dollari al barile per pareggiare i loro debiti. L'FMI si aspetta che i paesi sopravvivano ad un ambiente con petrolio al di sopra dei 55 dollari al barile per i prossimi 5 anni.

Stati Uniti

Anche le aziende negli Stati Uniti stanno vivendo un momento difficile. Coinvolte in attività di E&P (Earnings & Profits), insieme a compagnie petrolifere, hanno sofferto immensamente. Chevron Corporation (CVX) ha riportato una perdita nel quarto trimestre del 2015. ConocoPhillips (COP) e Anadarko Petroleum Corporation (APC) sono state costrette ad un taglio dei propri dividendi per far fronte alle perdite.

Chevron Corporation (CVX), analisi tecnica del titolo petrolifero americano. Investire nel Petrolio, i paesi più a rischio

Prospettive future

Per ora un rimbalzo immediato del prezzo del greggio non è ipotizzabile, dal momento che la collaborazione tra i membri dell'OPEC di un congelamento della produzione sembra altamente improbabile. Inoltre, la domanda dalla Cina continua a rimanere bassa a causa di un rallentamento economico nel paese.

L'Agenzia internazionale dell'energia (AIE) prevede che i prezzi del greggio a possano riequilibrarsi nei prossimi anni. Prevede che i prezzi del petrolio diminuiranno di 600.000 barili al giorno nel 2016, seguiti da un calo di 200.000 barili al giorno entro il 2017.




Tag: investire petrolio, materie prime, chevron, conoco philips, investire etf petrolio, crisi cina, crisi petrolio, settore energetico

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.


SEGUI I NOSTRI ALERT GRATIS
Vorrei essere informato gratuitamente
tramite email ogni volta che modificate
il vostro portfolio One Million Dollar


SEGUICI SU GOOGLE+
ADV
ULTIMI ARTICOLI
2017-12-06 Ormai ogni investitore è consapevole che il governo Trump vuole abrogare l'Obamacare. Una lotta che perdura da un anno e che ha portato il presidente degli Stati Uniti a firmare l'abrogazione scavalcando camera e senato che non erano d'accordo con la nuova formula del Medicaid, nemmeno quelli dello stesso partito repubblicano. Il costo sociale dell...
2017-11-29 Lo SP500 sta avendo il suo terzo miglior anno nell'ultimo decennio, il che è sorprendente se pensi che entreremo nel decimo anno del mercato rialzista a marzo. È una grande indicazione che la crisi finanziaria del 2008 è chiaramente nello specchietto retrovisore, rendendo molto difficile trovare titoli a buon mercato da acquistare. Con lo SP500...
2017-11-20 Leonardo (LDO.MI) è un'azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza. Il suo maggiore azionista è il Ministero dell'economia e delle finanze italiano, che possiede una quota di circa il 30%. Leonardo-Finmeccanica è il nome con cui si è identificata Finmeccanica a partire da aprile 2016. L'azienda ha successivam...
2017-11-13 Tutto è cominciato qualche settimana fa, alcuni conservatori in varie conferenze avevamo paventato l'idea di sfiduciare la May perchè "troppo morbida" sulla questione Brexit. Questo fine settimana è arrivato il colpo di grazie, oggi infatti, un gruppo di conservatori, membri del parlamento hanno accettato di firmare una lettera di sfiducia su There...
2017-10-31 Prima di passare alla visione dei titoli che abbiamo analizzato per un acquisto a Novembre dobbiamo fare una premessa. Queste trimestrali hanno messo in mostra alcuni aspetti interessanti, le health-care stanno ancora soffrendo e pagando un periodo non facile, i consumi si stanno riprendendo ma ancora lontani dagli antichi fasti. I settori che magg...
DOMINO SOLUTIONS CONSIGLIA
Investire come Warren Buffett: Strategie di acquisizione e value investing per guadagnare in borsa
CATEGORIA ARTICOLI

Analisi ETF
Analisi Tecnica
Economia generale
Grandi investitori
Materie prime
Report Domino
Società analizzate
Valute
Warren Buffett
Ultimi Articoli
come investire i risparmi, investire 50000 euro, ETF mercati emergenti, giocare in borsa, investimenti sicuri, scalping trading, forex scalping strategies, short etf, investire in oro, etf cina, come investire in azioni
come investire 30000 euro, come investire 20000 euro, come investire denaro oggi, come investire i risparmi oggi, investire in oro conviene, come investire 60000 euro, portafoglio ETF, migliori azioni 2015
ETF metalli preziosi, come investire nel 2016, come investire 2016
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319