www.dominosolutions.it - giuseppe@dominosolutions.it
Le borse europee e i mercati obbligazionari rimangono incerti
10-07-2017

L'allontanamento degli investitori dal debito sovrano - in attesa di una riduzione dello stimolo dalla Banca Centrale Europea - continua a delineare un impreciso trend per i mercati europei, lasciandoci con una sensazione nervosa sul proseguo dei nostri investimenti. C'è una mancanza di rimbalzo sui mercati azionari e sui mercati azionari dopo le pesanti vendite di queste settimane, i dati sui posti di lavoro americani hanno battuto le previsioni, ma il tasso generale di disoccupazione è salito dell'0.1% in più rispetto le stime.

Il 2016 è stato un anno difficile per i gestori attivi, con una scarsa dispersione nei mercati e con performance derivanti in primo luogo dalla rotazione settoriale piuttosto che dalla scelta dei singoli nomi. Se volessimo osare una previsione, sarebbe che alcuni di questi trend potrebbero attenuarsi nel corso del tempo. In quest’ottica, non vediamo ragioni per cambiare radicalmente la nostra esposizione netta o lorda, ma siamo ben lontani dall'essere fermi sulle nostre posizioni.

Continuiamo a cercare opportunità d’investimento su posizioni lunghe facendo valutazioni caso per caso, un metodo che abbiamo iniziato ad adottare da quando è nata la nostra società. Continuiamo a credere che gli investitori che investono nel lungo periodo e che continuano a focalizzarsi principalmente sui fondamentali societari possono sfruttare a proprio vantaggio i cambiamenti nel sentiment dei mercati per generare valore nel lungo periodo.

Dati sul lavoro

La crescita occupazionale degli stipendi statunitensi è salita a 222 mila il mese scorso da un ribasso superato di 152 mila, battendo le aspettative. Il tasso di disoccupazione è leggermente salito al 4,4 per cento dal 16 maggio, il precedente era del 4,3 per cento, suggerendo che l'economia è rimasta nei limiti della crescita occupazionale. La settimana lavorativa media è salita a 34,5 ore a partire da 34,4, ma la crescita salariale è rimasta bassa - con un guadagno medio orario di solo 0,2 per cento su base mensile e 2,5 per cento su base annua.
I dati sui posti di lavoro di giugno hanno segnato forze più cicliche dietro l'espansione economica degli Stati Uniti, ma anche una stretta più strutturale nei mercati del lavoro, che consente alla Federal Reserve di procedere gradualmente sulla strada della normalizzazione delle politiche. Per i mercati che sono andati in overdrive sui timori di una stretta delle politiche nelle ultime due settimane, questo dovrebbe contribuire ad eliminare il sell-off.

ha dichiarato Lena Komileva a G+ Economics.

Sussidi america, occupazione USA, tassi di interesse USA, Janet Yellen

Stime mercati europei 2017

Gli investitori stanno monitorando attentamente le ripercussioni delle ultime tornate elettorali: dopo la sconfitta di fatti di Theresa May, alcuni suoi generali starebbero lavorando per ammorbidire le posizioni in vista dei negoziati sulla Brexit, mentre dalla Francia la vittoria schiacciante di En Marche! Emmanuel Macron spiana la strada a una maggioranza solida. Negli Stati Uniti l'attenzione si biforca tra la vicenda politica che segue la testimonianza di James Comey, ex numero uno del Fbi, sulle interferenze russe nella campagna elettorale di Donald Trump, e l'attesa per un rialzo dei tassi da parte della Fed nelle prossime sedute.

La sterlina resta debole contro l'Euro intorno a 1.13. In Italia, l'Istat ha segnalato la debolezza della produzione industriale italiana. La crescita dell'economia francese dovrebbe accelerare allo 0,5% nel secondo trimestre dell'anno, dopo essersi attestata allo 0,3% nel primo: è la stima confermata da parte della Banca di Francia. Il superindice dell'Ocse, che mira ad anticipare i punti di svolta dell'attività economica rispetto al trend nei 6-9 mesi nell'area dei 35 paesi industrializzati, continua a puntare a un cammino di crescita stabile.

Intanto continuano le vendite sui mercati obbligazionari con l’indice JPMorgan Global espresso in euro che perde oltre il 3% nelle ultime due settimane. I timori degli investitori sono per un veloce irrigidimento delle politiche monetarie delle principali banche centrali, la preoccupazione è corretta ma sulla velocità abbiamo forti dubbi. Comunque sempre meglio evitare le durate lunghe.

Il benchmark tedesco a 10 anni dei Bund venerdì è salito dello 0,56% ad un massimo degli ultimi 18 mesi. Più impressionante la sua crescita di 31bp nello stesso periodo. I movimenti giapponesi sono stati molto meno estremi che altrove, ma venerdì il rendimento a dieci anni è stato superiore allo 0,10 per cento come limite superiore della gamma di obiettivi della BOJ. Ciò ha indotto la banca centrale ad offrire un debito illimitato per la prima volta da febbraio per bloccare il movimento.
La settimana scorsa i mercati azionari e obbligazionari, specialmente in Europa, sono stati colpiti dalle banche centrali che hanno lasciato intendere un ammorbidimento degli stimoli monetari. Mario Draghi ha iniziato a lanciare la palla dicendo ai mercati che le forze deflazionistiche sono state sostituite da quelle reflatorie e che la BCE potrebbe avere bisogno di cambiare politica per mantenere invariata la propria posizione. I mercati devono avere paura delle banche centrali? Non necessariamente, stanno facendo quello che normalmente fanno, ritirano gli stimoli mentre le economie recuperano.

Hanno affermato strateghi di Bank of America Merrill Lynch.

Stime delle materie prime nel 2017/2018

Poco tempo fa abbiamo affermato che l'anno 2015 era l'anno dei minimi e il 2016 quello dello sforzo. Lo stimolo fiscale della Cina, la produzione tagliata dell'OPEC, della Russia e di altri paesi, le prestazioni da parte dell'India e di altri paesi che hanno superato l'aspettativa della domanda. Eventi che non definiscono abbastanza l'opportunità per il mercato delle materie prime.

La Brexit e il ritardo nell'aumento del tasso di interesse da parte della Fed hanno aumentato i prezzi dell'Oro, dato che l'incertezza politica ha incoraggiato gli investitori nervosi a rifugiarsi nel diversificare in beni di rifugio, la produzione dell'OPEC è stata ristabilita con la vittoria chiara di Trump che ha dato positività ai prezzi delle commodities in mezzo alle chiusure delle miniere e lo stimolo fiscale da parte della Cina.

Oltre al miglioramento della domanda fisica e al riequilibrio dell'offerta, è stata la domanda di investimenti che ha dato potere extra alle merci. Fino a novembre 2016, l'indice e il fondo degli afflussi di materie prime sono stati pari a 41,7 miliardi di dollari. La produzione dell'OPEC è uno sviluppo positivo per il mondo petrolifero e rimuoverà più di 1 milione di barili al giorno da un sistema sovraccaricato. Quindi i produttori di scisto americani possono far crescere la loro produzione capovolgendo così tutto quello fatto dall'OPEC.

I tagli di produzione OPEC potrebbero essere di natura di breve termine. Negli ultimi 20 anni, i livelli di produzione tagliati non sono mai durati per più di un anno. Le commodities agricole dovrebbero aumentare modestamente in quanto si prevede che un calo dei prezzi dei cereali compenseranno un aumento dei prezzi delle altre merci. Inoltre, gli aumenti più alti di quanto previsto nei prezzi energetici sono una chiave importante sui costi nell'agricoltura, potrebbero spingere i prezzi dei prodotti alimentari ancora più in alto della previsione.

L'Oro dovrebbe rimanere stabile nel 2017 seguendo l'andamento dei tassi di interesse crescenti. Il rinnovato focus sull'infrastruttura può dare ulteriore vantaggio ai metalli industriali, anche se la stabilità al livello più alto dipenderà dalle prestazioni effettive della Cina e altre economie, tra cui gli Stati Uniti, il programma di Trump sulle infrastrutture è molto importante.

Nonostante la probabile incertezza sull'economia mondiale nel 2017, le materie prime dovrebbero continuano a far bene. Crediamo che miglioreranno i principali indicatori economici forti di una stagionalità che potrebbe estendere la forza alle materie prime. Le politiche americane sotto il regime di Trump saranno una chiave importante per tutto il mondo nel 2017. Ci aspettiamo che il riequilibrio del mercato delle materie prime possa essere raggiunto entro la seconda metà del 2017.

Domanda petrolio nel mondo 2022, Cina petrolio, India, America shale oil


Copyright © 2006-2013 Domino Solutions Dominosolutions.it
è un database del gruppo
Domino Solutions
P.IVA 02821060361

Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319