www.dominosolutions.it - giuseppe@dominosolutions.it
Investire in America, lo S&P500 attende la nuova stagione degli utili
12-07-2017

I titoli statunitensi hanno iniziato la settimana con una nota moderatamente positiva, visto che il rapporto sui salari non agricoli di venerdì è stato positivo ed ha allontanato i rischi sui mercati e gli investitori sono in attesa della prossima stagione di utili aziendali che è partita ufficialmente l'11 Luglio 2017. Le obbligazioni governative globali hanno recuperato alcune delle loro perdite recenti, mentre l'euro è tornato al di sopra del livello di 1,14 dollari toccando anche il massimo degli ultimi due mesi nei confronti dello yen. I mercati petroliferi hanno avuto una brusca sessione col Brent che cerca di stabilire un punto di appoggio al di sopra del prezzo di 47 dollari al barile, mentre l'oro sembra trovare un supporto importante a quota 1.200 dollari all'oncia.
Le banche statunitensi potrebbero lottare per fornire profitti nei rispettivi segmenti di banca d'investimento, dopo che i bassi livelli di volatilità potrebbero avere colpito i guadagni.

Ha affermato Kathleen Brooks, direttore di ricerca di City Index.

Nel frattempo arrivano dati importanti relativi alla crescita economica in Francia e Spagna nel secondo trimestre: nel primo caso il dato ha segnato un +0,2% trimestrale, nel secondo il Pil è salito dello 0,7%. Sempre per quanto riguarda i due Paesi, indicazioni contrastanti dall'aggiornamento preliminare sull'inflazione, stabile m/m nel Paese della torre Eiffel e in rialzo dello 0,7% in quello iberico.

S&P500, analisi indice americano, stime valuta eurusd, stime materie prime, obbligazioni migliori, recessione america

In linea con le stime i prezzi al consumo tedeschi, saliti dello 0,1% ad ottobre. Indicazioni migliori del previsto arrivano invece dal Pil a stelle e strisce. Il Dipartimento del Commercio della prima economia ha annunciato che il terzo trimestre si è chiuso con un incremento del Prodotto interno lordo del 2,9% congiunturale (dato annualizzato). Sotto le stime invece l’aggiornamento sulla fiducia dei consumatori misurata dall’Università del Michigan, a 87,2 punti ad ottobre.

Obbligazioni

Per quanto riguarda invece il sell-off continuo sulle obbligazioni governative, il rendimento del decennale tedesco è sceso di 3 punti base dal picco di 18 mesi fa. Il rendimento, che si muovono in senso opposto rispetto al prezzo del bond, è aumentato di oltre 30 miliardi di dollari nelle ultime due settimane, come ha osservato Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea - oltre alle altre banche centrali - hanno concentrato l'attenzione sul ritiro degli stimoli. Il rendimento dei decennali americani sono scesi dal 2,50% al 2,37%, mentre quelli decennali britannici sono all'1,27%.

I mercati globali sono stati caratterizzati dal tema dell'incremento dei rendimenti obbligazionari e ci aspettiamo che questo continui nella prossima settimana, mentre la recente forza trainante è stata la rottura nei rendimenti di Bund decennali, i catalizzatori di questa settimana provengono dagli Stati Uniti.

Il rapporto sull'occupazione degli Stati Uniti ha mostrato che più posti di lavoro sono stati creati a Giugno rispetto a quanto era stato previsto - ma la crescita salariale è rimasta piatta. La mancanza di pressioni inflazionistiche continua a consentire alla Fed di essere più cauta nel normalizzare la politica monetaria. Di conseguenza, crediamo che la Fed abbia maggiori probabilità di ritardare i tassi di crescita fino a dicembre, mentre potrebbe concentrarsi sulla riduzione graduale del suo bilancio a partire da settembre.

Stime del cambio EURUSD

La coppia EUR/USD è entrata in una fase laterale venerdì, poi ha avuto una sessione molto volatile poiché il numero di posti di lavoro in America è salito molto più di quanto previsto. Tuttavia, verso la fine della sessione sembra che la coppia abbia cominciato a mostrare una certa orza settimanale. Crediamo che il mercato cercherà di spingere le valute al livello 1,15 dove abbiamo visto una resistenza significativa negli ultimi 3 anni.

Una pausa a questo livello sarebbe un segnale molto importante, indicherebbe che il mercato è pronto a continuare e a spingersi al cambio 1.18. Riteniamo che il mercato sia sostanzialmente in una situazione "buy on the dip", almeno nel breve termine. Sopra la resistenza di 1.15, sarebbe un segnale importante che il downtrend è finito e che gli acquirenti stanno per iniziare a raccogliere Euro sul lungo termine e magari cercando di spingerlo verso livelli molto più alti.

Questo è lo scenario in cui la Federal Reserve sta cercando di aumentare i tassi di interesse, ma sinceramente la BCE ha recentemente parlato di una stretta politica monetaria, che è un sorprendente. A causa di questo, può essere necessario un riequilibrio di questa coppia e questo potrebbe essere ciò che vedremo. In alternativa, se la coppia dovesse scendere al di sotto del livello 1.1350, allora potremmo vedere un dollaro più forte fino in area 1.11.


Copyright © 2006-2013 Domino Solutions Dominosolutions.it
è un database del gruppo
Domino Solutions
P.IVA 02821060361

Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319