Accedi a Domino Solutions

Inserisci i tuoi dati per accedere.

Recupera password

×

Arrestata in Canada Meng Wanzhou, figlia del fondatore Huawei. Borse a picco.

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.
Da una parte Trump e Xi Jinping che fanno foto insieme illudendo il mondo che la guerra dei dazi sia al termine, dall'altra invece gli stessi Stati Uniti minano gli accordi con un colpo a sorpresa, l'arresto di Meng Wanzhou, chief financial officer e vicepresidente di Huawei, nonché figlia del fondatore, arrestata a Vancouver il 1° dicembre. L'America ha già richiesto l'estradizione.

L'arresto arriva in un momento delicato per le relazioni USA-Cina. Le nazioni sono impegnate in una guerra commerciale che ha visto imporre dazi di miliardi di dollari sui beni da ambo le parti. L'arresto non aiuterà la tregua tariffaria di 90 giorni approvata dalle nazioni dopo che il presidente Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping si sono incontrati al G20.



Il ministero della giustizia canadese ha confermato la data e il luogo dell'arresto della sig.ra Meng e ha aggiunto: E' stata richiesta l'estradizione dagli Stati Uniti e l'udienza per la cauzione è stata fissata per venerdì. Un portavoce del dipartimento di giustizia degli Stati Uniti nel distretto orientale di New York non ha voluto commentare.

L'arresto è legato a violazioni delle sanzioni statunitensi, ha affermato una persona che ha familiarità con la questione. Reuters non è stato in grado di determinare la natura precisa delle violazioni. L'arresto e qualsiasi eventuale sanzione sul secondo produttore mondiale di smartphone potrebbe avere ripercussioni importanti sulla catena di fornitura globale degli smartphone. Le azioni dei fornitori asiatici verso Huawei, Qualcomm Inc e Intel tra i principali, stanno crollando nei premarket.

Le motivazioni e le reazioni

Ad aprile le fonti hanno riferito a Reuters che le autorità statunitensi stavano indagando su Huawei, il più grande produttore mondiale di apparecchiature per le telecomunicazioni, già dal 2016 per aver presumibilmente spedito prodotti di origine statunitense all'Iran e ad altri paesi in violazione delle leggi statunitensi sull'esportazione.

L'ambasciata cinese in Canada ha dichiarato di opporsi risolutamente all'arresto e ha chiesto l'immediato rilascio di Meng. La Sig.ra Wanzhou, che venerdì avrà la libertà su cauzione, è la figlia di Ren Zhengfei, il quale ha fondato Huawei ed è stato vicedirettore del corpo di ingegneria dell'esercito popolare di liberazione. L'esperienza militare di Ren è uno dei legami statali citati dagli Stati Uniti negli avvertimenti secondo cui l'uso delle apparecchiature dell'azienda potrebbe rendere i dati vulnerabili all'accesso dal governo cinese.



I timori degli Stati Uniti riguardo al potenziale spionaggio cinese e ai progressi tecnologici della Cina sono aumentati mentre il mondo si prepara a passare alla tecnologia di rete 5G, la cui velocità dovrebbe contribuire a inaugurare l'Internet of Things, come le auto a guida autonoma. Huawei, il più grande produttore al mondo di apparecchiature cellulari e il secondo più grande venditore di smartphone, è in prima linea nello sviluppo della 5G Network.

L'arresto di Meng è diventato rapidamente un argomento di discussione online sulle piattaforme di social media cinesi come il microblog Weibo, con molti che esprimono rabbia contro gli Stati Uniti e orgoglio per la tecnologia cinese.

Dobbiamo far capire agli Stati Uniti che il grande popolo cinese non teme il potere o le minacce. Niente può fermare il nostro continuo ritmo di progresso. Qualsiasi difficoltà diventerà un trampolino di lancio per proseguire in avanti. La Cina si sforza costantemente di essere più forte. Huawei è invincibile.

Gli osservatori in Cina hanno avvertito che aziende e dirigenti statunitensi potrebbero subire ritorsioni da Pechino. James Lewis, direttore della politica tecnologica presso il centro di ricerca CSIS a Washington, ha scritto sul sito di notizie Axios:

Si vendicheranno e la Cina prenderà ostaggi. Se fossi un dirigente americano, non viaggerei in Cina questa settimana.

In una dichiarazione, Huawei ha riconosciuto la richiesta di detenzione e di estradizione da parte del governo degli Stati Uniti.

Il nostro CFO aziendale, la signora Meng Wanzhou, è stata provvisoriamente detenuta dalle autorità canadesi a nome degli Stati Uniti d'America, che cercano l'estradizione della signora Meng Wanzhou per far fronte ad accuse non specificate nel distretto orientale di New York. Alla compagnia sono state fornite pochissime informazioni riguardo le accuse e non è a conoscenza di alcun illecito da parte della signora Meng. La società ritiene che i sistemi legali canadesi e statunitensi alla fine raggiungeranno una conclusione equa. Huawei rispetta tutte le leggi e i regolamenti applicabili in cui opera, tra cui le leggi e i regolamenti in materia di controllo delle esportazioni e sanzioni delle Nazioni Unite, degli Stati Uniti e dell'UE.

ha affermato la società.

I precedenti

Il rapporto sulle indagini del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti su Huawei ha fatto seguito alla notizia che i pubblici ministeri statunitensi attivarono sanzioni su un altro produttore cinese di apparecchiature per telecomunicazioni, ZTE, per accuse relative alle vendite di attrezzature in Iran.

ZTE fu quindi sottoposto a sanzioni dopo che il governo degli Stati Uniti stabilì che aveva tentato inizialmente di commerciare illegalmente con l'Iran e la Corea del Nord, e successivamente non riuscì a seguire i rimedi imposti dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

Alle aziende statunitensi fu vietato di vendere microchip e altri componenti a ZTE, paralizzando e quasi uccidendo la compagnia, fino a quando il divieto fu revocato per ordine del presidente Donald Trump dopo essere stato contattato dal governo cinese. Come parte di un nuovo accordo per revocare il divieto, ZTE pagò 1,4 miliardi di dollari in sanzioni, licenziando parte del board e assumendo funzionari designati dagli Stati Uniti.

Wenran Jiang, senior fellow all'Institute of Asian Research presso l'Università della British Columbia, ha detto che i cinesi interpreteranno l'arresto, nello stesso giorno dell'incontro di Trump in Argentina con il presidente cinese Xi Jinping, come una cospirazione pianificata per fare danni.



TESTIMONIANZE

Semplicemente grandiosi. Un passo avanti rispetto agli altri e non c'è che dire. Ho provato il servizio Telegram e ho potuto interagire con loro. Gentilissimi e impeccabili. Grande stima, continuate cosi.
Antonio Bagaglia
Sono abbonato da 4 anni e sono pienamente soddisfatto sia in termini di resa dei loro servizi sia come assistenza al cliente
Fausto Vedova
Sto collaborando con loro da meno di un anno, mi sembra di conscerli da una vita , mi stanno dando dei risultati a dire poco eccellenti,sopratutto in questi momenti ,pochissimi titoli negativi, ritengo la loro serietà qualcosa di straordinariamente rara e preziosa, io li ritengo oltre che ad esperti professionisti, anche amici, avuto la fortuna di conoscerli di persona , grazie aggiornamento, ad oggi, e da molto tempo che collaboro oramai, non e cambiata assolutamente la mia opinione, anzi sono contento perche hanno con il tempo aggiornato e ampliato i servizi.
Sempre seri, presenti, gentili, onesti.
Consigliato a tutti quelli interessati!!
Un cordiale saluto.
Grazie del lavoro che state svolgendo!
Maurizio Carnazzo
Reputo la Domino Solutions una società leader nel settore finanziario. Analizza il mercato in in maniera impeccabile ed i loro servizi,le loro analisi e reportistica che inviano di volta in volta ai clienti sono sempre precise e visionarie, sicure al 99%. All'inizio ero titubante, ma col passare del tempo, con la loro serietà hanno convinto me e molti altri a dare loro fiducia e devo dire che in un solo anno ho avuto un guadagno del circa 35% sul capitale investito. Sempre gentili e veloci nel rispondere al cliente.
Daniele Cecchetti
Leggi tutte le testimonianze
DOMINO SOLUTIONS 2018 All rights reserved | Via Baldassarre Peruzzi, 26 41012 Carpi (MO) Italy | P.IVA IT02821060361 - Cookie policy Copyright © 2006-2018
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319