Accedi a Domino Solutions

Inserisci i tuoi dati per accedere.

Recupera password

×

BOJ, cerchiamo di capire il nuovo stimolo economico giapponese

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.
La Banca centrale del Giappone ha sorpreso i mercati rivedendo lo scopo della sua azione: il governatore Haruhiko Kuroda ha deciso di confermare il tasso di riferimento al -0,1%, la politica espansiva per portare l'inflazione al 2%, ma ha cambiato il quadro entro il quale si muove. Da un obiettivo di stimolo - nel gergo si parla di "ampliamento della base monetaria" - la BoJ si è mossa verso un obiettivo di controllo della curva dei rendimenti.

La sua decisione dimostra che anche otto anni dopo la crisi finanziaria globale, le banche centrali sono ancora disposte a sperimentare nuovi strumenti di politica monetaria, mentre lottano per sfuggire da una bassa inflazione globale. La novità è quindi la modifica della struttura politica del mandato della BoJ, che abbandona il target di base monetaria per orientarsi sul "controllo della curva dei rendimenti". La mossa, attesa da pochi economisti, sposta il target dell'Istituto sul tasso di deposito overnight, tassi applicato sui depositi in yen di alcune banche commerciali, e sui rendimenti dei Jgb a 10 anni. Viene meno quindi il ruolo centrale del Quantitative easing.

La mossa segna un altro sforzo da parte Haruhiko Kuroda per sorprendere le aspettative del mercato, ampliando il suo kit di strumenti di politica monetaria per segnalare la sua determinazione che il Giappone sfugga a decenni di deflazione. Ma la domanda è se tre anni e mezzo di lenti progressi sui prezzi abbiano danneggiato la credibilità della BoJ.

crescita del PIL giapponese negli ultimmi 3 anni


Se la decisione di Tokyo ha sorpreso, non ci si aspettano colpi di scena all'esito di quella della Federal Reserve, che ha sul tavolo il secondo rialzo dei tassi dopo quello del dicembre scorso, che mancava dal lontano 2006. Soltanto due sui 102 economisti del panel di Bloomberg credono che Janet Yellen muoverà il costo del denaro: per tutti gli altri si tratta piuttosto di carpire eventuali indicazioni sul timing dei prossimi rialzi, che per oggi non ci saranno.

Come detto la BoJ ha mantenuto i tassi di interesse a -0,1 per cento - descrivendo ulteriori tagli dei tassi come una "possibile opzione per ulteriore allentamenti" - ma ha annunciato un nuovo quadro con due elementi principali. Il primo è un impegno per coronare 10 anni di rendimenti dei titoli di Stato allo zero per cento. In sostanza, questo significa che la BoJ sta promettendo acquisto di obbligazioni al prezzo di vendita.
In secondo luogo, la BoJ si è impegnata a continuare ad acquistare beni fino a quando l'inflazione non supererà l'obiettivo di stabilità del 2 per cento e rimanga sopra il target in modo stabile.

Secondo gli strategist di Standard Chartered, l'impegno della BoJ a raggiungere il target inflativo suggerisce che gli allentamenti monetari continueranno per un periodo di tempo superiore alle attese. Alcuni analisti erano downbeat in merito alla decisione della BoJ di non tagliare i tassi di interesse o ampliare acquisti di asset, veniva visto come un segnale che la banca centrale ha poco spazio per un ulteriore allentamento.

Il cambio euro-dollaro è in leggero calo, con la moneta del Vecchio continente che scambia a 1,11298 biglietti verdi. Sui mercati valutari, lo yen torna invece ad indebolirsi sul biglietto verde, superando quota 102,50. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi è poco mosso a 126 punti base, con il decennale italiano che rende l'1,27% sul mercato secondario. Come accennato, sul fronte delle materie prime spicca il rialzo delle quotazioni del petrolio, con il Brent a 46,53 dollari al barile a +1,42%, mentre il Wti quota a 44,88 dollari al barile a +1,88%.

TESTIMONIANZE

Semplicemente grandiosi. Un passo avanti rispetto agli altri e non c'è che dire. Ho provato il servizio Telegram e ho potuto interagire con loro. Gentilissimi e impeccabili. Grande stima, continuate cosi.
Antonio Bagaglia
Sono abbonato da 4 anni e sono pienamente soddisfatto sia in termini di resa dei loro servizi sia come assistenza al cliente
Fausto Vedova
Sto collaborando con loro da meno di un anno, mi sembra di conscerli da una vita , mi stanno dando dei risultati a dire poco eccellenti,sopratutto in questi momenti ,pochissimi titoli negativi, ritengo la loro serietà qualcosa di straordinariamente rara e preziosa, io li ritengo oltre che ad esperti professionisti, anche amici, avuto la fortuna di conoscerli di persona , grazie aggiornamento, ad oggi, e da molto tempo che collaboro oramai, non e cambiata assolutamente la mia opinione, anzi sono contento perche hanno con il tempo aggiornato e ampliato i servizi.
Sempre seri, presenti, gentili, onesti.
Consigliato a tutti quelli interessati!!
Un cordiale saluto.
Grazie del lavoro che state svolgendo!
Maurizio Carnazzo
Reputo la Domino Solutions una società leader nel settore finanziario. Analizza il mercato in in maniera impeccabile ed i loro servizi,le loro analisi e reportistica che inviano di volta in volta ai clienti sono sempre precise e visionarie, sicure al 99%. All'inizio ero titubante, ma col passare del tempo, con la loro serietà hanno convinto me e molti altri a dare loro fiducia e devo dire che in un solo anno ho avuto un guadagno del circa 35% sul capitale investito. Sempre gentili e veloci nel rispondere al cliente.
Daniele Cecchetti
Leggi tutte le testimonianze
DOMINO SOLUTIONS 2019 All rights reserved | Via Baldassarre Peruzzi, 26 41012 Carpi (MO) Italy | P.IVA IT02821060361 - Cookie policy Copyright © 2006-2019
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +39059665319