Accedi a Domino Solutions

Inserisci i tuoi dati per accedere.

Recupera password

×

I prezzi del petrolio scendono a causa del rallentamento delle importazioni cinesi

Le informazioni e i dati sono ritenuti accurati, ma non ci sono garanzie. Domino Solutions non è un consulente d'investimento e non offre consigli specifici di investimento. Le informazioni qui contenute sono solo a scopo informativo.
I futures del NYMEX WTI (West Texas Intermediate) del petrolio greggio di luglio sono diminuiti dell'1,67% e si sono stabilizzati a 58,14 dollari al barile Lunedi 8 giugno 2015. I prezzi sono scesi a causa di un rallentamento delle importazioni cinesi, il maggiore importatore asiatico. L'ETF United States Oil Fund LP (USO) e il ProShares Ultra DJ-UBS Crude Oil (UCO) sono scesi lunedì a causa di queste notizie, rispettivamente dello 0,95% e del 2,15%. Le importazioni di greggio cinesi sono diminuite del 6% a maggio rispetto ad aprile 2015. Il rallentamento è dovuto ad una manutenzione generale delle raffinerie in Cina, le stesse hanno utilizzato le scorte di petrolio che avevano in magazzino. Questo ha frenato la domanda di greggio durante lo stesso periodo, ovviamente questo ha messo pressione sui prezzi del petrolio greggio.



Il 5 giugno 2015, l'OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) ha deciso di mantenere il suo obiettivo di produzione complessiva di 30 MMbpd (milioni di barili al giorno) per i prossimi sei mesi. Le stime indicano che le richieste basse continueranno a fare pressione sui prezzi del greggio. Il 3 giugno 2015, la EIA (US Energy Information Administration) ha riportato che le scorte di petrolio greggio degli Stati Uniti sono diminuite di 1,9 milioni di barili (MMbbls) per la settimana terminata il 29 maggio, le scorte di petrolio greggio sono scese per la quinta settimana di fila. Il rapporto EIA successivo del 10 giugno 2015 ha mostrato una diminuzione di -6.8MMbbls.

La volatilità dei mercati hanno poi avuto un impatto sulle compagnie petrolifere, come ExxonMobil (XOM), Occidental Petroleum (OXY), e Hess (HES). Queste aziende rappresentano il 17% del Energy Select Sector SPDR ETF (XLE).



I dati dell'OPEC

La scorsa settimana, il 5 giugno 2015, l'OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) ha deciso di mantenere la produzione complessiva di 30 MMbpd per i prossimi sei mesi. Il consenso di un aumento della produzione dell'OPEC avrà un impatto su alcuni produttori di petrolio degli Stati Uniti che esplorano col metodo Shale, come Continental Resources (CLR), Whiting Petroleum (WLL) e Marathon Oil (MRO).

L'OPEC sta continuando con la sua massiccia strategia di produzione di petrolio al fine di difendere la propria quota di mercato. Insieme, i membri dell'OPEC collettivamente hanno prodotto 31,2 MMbpd di greggio a maggio 2015. L'Arabia Saudita e il più grande produttore di petrolio dell'OPEC con 10,31 MMbpd di petrolio greggio prodotto nel mese di aprile. Questa pressione è l'aggiunta al mercato sovrabbondante.

Movimento del prezzo

A luglio i futures del WTI (West Texas Intermediate) del petrolio si sono stabiliti leggermente al di sopra del livello psicologico chiave di 58 dollari al barile. I prezzi del greggio sono fluttuanti tra 58 e 61 dollari al barile da più di un mese. Le stime di aumentare la produzione dagli Stati Uniti e OPEC aggiungerà pressione ai prezzi. Al momento però, questa decisione potrebbe spingere i prezzi più in basso. Fattori come l'eccesso di offerta e il rallentamento della domanda potrebbero spingere il petrolio verso il supporto chiave di 55 dollari al barile. I prezzi hanno testato questo livello nel mese di aprile 2015. Per contro, l'abbassamento delle scorte potrebbero sostenere i prezzi del greggio. La prossima resistenza per il petrolio è vista a 66 dollari al barile. I prezzi hanno raggiunto questo prezzo nel maggio 2009.

JPMorgan Chase ha previsto che i prezzi potrebbero rimanere intorno ad una media di circa 54 dollari al barile nel 2015. Il trading range rettangolare suggerisce che i prezzi del petrolio potrebbero oscillare tra 55 e 64 dollari per barile nel breve termine. I futures di Luglio sul petrolio greggio sono scambiati al di sopra della media mobile a 50 e 100 giorni.



I bassi prezzi del petrolio greggio sono positivi per ETF come il ProShares UltraShort Bloomberg Crude Oil (SCO). Al contrario, ETF come il VelocityShares 3X lungo Crude ETN (UWTI) sono positivamente influenzati da un aumento dei prezzi del greggio. Il recente calo dei prezzi del petrolio ovviamente sono negativi per titoli del settore come Oasis Petroleum (OAS), Kosmos Energy (KOS) e Synergy Risorse (SYRG). Queste aziende producono petrolio per più del 50% della loro produzione totale.

TESTIMONIANZE

Semplicemente grandiosi. Un passo avanti rispetto agli altri e non c'è che dire. Ho provato il servizio Telegram e ho potuto interagire con loro. Gentilissimi e impeccabili. Grande stima, continuate cosi.
Antonio Bagaglia
Sono abbonato da 4 anni e sono pienamente soddisfatto sia in termini di resa dei loro servizi sia come assistenza al cliente
Fausto Vedova
Sto collaborando con loro da meno di un anno, mi sembra di conscerli da una vita , mi stanno dando dei risultati a dire poco eccellenti,sopratutto in questi momenti ,pochissimi titoli negativi, ritengo la loro serietà qualcosa di straordinariamente rara e preziosa, io li ritengo oltre che ad esperti professionisti, anche amici, avuto la fortuna di conoscerli di persona , grazie aggiornamento, ad oggi, e da molto tempo che collaboro oramai, non e cambiata assolutamente la mia opinione, anzi sono contento perche hanno con il tempo aggiornato e ampliato i servizi.
Sempre seri, presenti, gentili, onesti.
Consigliato a tutti quelli interessati!!
Un cordiale saluto.
Grazie del lavoro che state svolgendo!
Maurizio Carnazzo
Reputo la Domino Solutions una società leader nel settore finanziario. Analizza il mercato in in maniera impeccabile ed i loro servizi,le loro analisi e reportistica che inviano di volta in volta ai clienti sono sempre precise e visionarie, sicure al 99%. All'inizio ero titubante, ma col passare del tempo, con la loro serietà hanno convinto me e molti altri a dare loro fiducia e devo dire che in un solo anno ho avuto un guadagno del circa 35% sul capitale investito. Sempre gentili e veloci nel rispondere al cliente.
Daniele Cecchetti
Leggi tutte le testimonianze
DOMINO SOLUTIONS 2019 All rights reserved | Via Baldassarre Peruzzi, 26 41012 Carpi (MO) Italy | P.IVA IT02821060361 - Cookie policy Copyright © 2006-2019
Domino Solutions
Via Amilcare Arletti 5 41012 Carpi, Emilia Romagna Italia
info@dominosolutions.it
Tel: +390598753026